La vendita di un immobile non è una semplice azione di mercato ma un atto che coinvolge tutti i ricordi e le emozioni di una persona. Per questo, vendere un appartamento o un negozio può risultare più difficile di quanto si pensi.

L’ostacolo che più di tutti spaventa chi vende è quello dell’iter burocratico: la strada verso la vendita è lastricata di scartoffie e documenti. Ben presto però ci si renderà conto che il primo vero scoglio da superare consiste nel fare i conti con le proprie emozioni. Una casa infatti non è un oggetto qualsiasi ma un luogo ricco di incontri, esperienze e relazioni.

Nel corso della vendita si incrociano due realtà: quella del venditore, col suo bagaglio di vita vissuta, e quella dell’acquirente, con altrettanti sogni e desideri da realizzare in quello stesso luogo.

Non si può quindi semplicemente fissare un prezzo di un immobile. Un professionista dell’immobiliare non si limita a individuare le caratteristiche di un appartamento monetizzandole, ma si mette in comunicazione con chi vende per determinare il valore effettivo di un luogo, un valore che sia economico ma non solo.

Basti pensare che spesso non è il mancato accordo economico a interrompere una trattativa, ma la carenza di connessione tra le parti. Un buon mediatore è in grado di leggere le storie dei protagonisti della compravendita attribuendo loro il peso che meritano.

Noi di Progeacasa ci poniamo questo obiettivo: raggiungere un’intesa nel pieno rispetto delle persone coinvolte e delle loro emozioni, rendendoci così partecipi di un mercato immobiliare etico e trasparente.

“Una casa non è una questione di mattoni, ma di amore”. È tenendo conto di ciò che vogliamo lavorare insieme a voi.